v3.14.12.12
17
febbraio
2013

Introduzione…a niente

Normalmente, i blog hanno un argomento preciso: ad esempio i viaggi di Gulliver, le ricette di Nonna Papera…oppure novità e opinioni in tema di politica, moda, attualità, cinema, informatica, windsurf…chi più ne ha, più ne metta.

Poi c’è una seconda categoria di blog: quelli dei personaggi famosi…anche perché, se sei famoso, non puoi non avere un blog, oggiggiorno

Insomma: i blog, o li trovi perché ti interessa qualcosa di particolare, oppure perché ti interessa qualcuno in particolare. Del resto…sennò che ci stanno a fare, i blog?

E questo blog? Non sono certo una persona famosa, né parlo di un tema specifico: una volta vi racconto i miei viaggi in bicicletta, la volta dopo faccio qualche considerazione di macro-economia, un’altra volta vi parlo di Zen e la volta dopo ancora vi storpio un cartone della Disney

Sorge spontanea una domanda: ma allora, che ci sta a fare questo blog? Se non rientra in nessuna delle due categorie, che senso ha di esistere?

Non sono in grado di rispondere ma posso semplicemente dedurre che:

Questo è un blog che troverai se non stai cercando niente e nessuno

E come farai a trovarlo, allora?

Se sei arrivato sin qui, è bene che te lo chiedi!

Anche nello Zen, i maestri non cercano i loro discepoli… non è come nel cristianesimo, non esistono i “missionari Zen” che cercano di convertire la gente alla “religione Zen” e cose del genere…

E quindi, molto semplicemente:

Questo è un blog Zen

[C.V.D.]

P.S. non fraintendetemi…non mi considero un esperto di Zen, né credo di avere raggiunto il Nirvana, né penso di avere compreso l’essenza del Buddha

…stavo semplicemente scrivendo l’introduzione per un post…ma non mi ricordo più cosa volevo scrivere!


Scrivi un commento (su Facebook)

comments

Author: eingel
Posted in: Articoli

Trackback from your site.

Leave a comment